ANELLO CON ACQUAMARINA

  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery
  • post with gallery

Oggi vi racconto e vi mostro passo per passo la nascita di un anello che mi è stato commissionato recentemente. La mia cliente mi ha dato solo un unico, imprescindibile punto di partenza: voleva un anello con un'acquamarina tagliata a forma di cuore. Per il resto, a me la scelta! 

Sono andata quindi dal mio fornitore e ho selezionato diverse pietre da mostrare alla cliente. Una volta determinata la pietra da usare ho iniziato la creazione del castone realizzando la corona superiore che sorregge la pietra e l'ho sagomata per renderla assolutamente coincidente con la forma e la dimensione dell'acquamarina. Ho saldato poi le tre griffe, di cui una più larga e piegata a V, per aderire perfettamente alla punta del cuore. Ho poi realizzato una seconda corona, più piccola e leggermente curva in modo che potesse seguire la curva del dito e risultare comoda una volta indossato l'anello. Quindi ho saldato quest'ultimo elemento alle punte e ho ottenuto il castone. 

Finito il castone, si procede con il gambo dell'anello. Ho fuso l'oro bianco per ottenere un canalino lungo e sottile che ho poi piegato e saldato per ottenere un anello. A questo punto, armata di martello, ho schiacciato la parte superiore per renderla più sottile e più alta: così facendo non solo ho conferito leggerezza e armonia all'anello, ma ho anche creato lo spessore necessario per poi poter incastonare i brillanti. Dopo aver sagomato l'anello e averlo portato alla misura desiderata, ho tagliato quella parte di gambo in cui si sarebbe innestato il castone. A questo punto è arrivato il momento in cui la pazienza e la precisione sono più importanti che mai: posizionare il castone nel punto esatto e saldarlo. Per poter mantenere il castone nella posizione corretta ho saldato al gambo e al castone un piccolo filo d'argento che, una volta piegato, mi avrebbe permesso di mantenerlo in posizione e fissarlo. 
Una volta saldato il tutto ho rimosso il filo, levigato il tutto e ho potuto procedere ad incastonare le pietre. Infine ho pulito e lucidato l'anello e ho completato il lavoro con un bagno galvanico per rodiare l'anello e renderlo bianco e scintillante! 

Lascia un commento

spedizioni veloci

in 48-72 ore dall'acquisto

reso gratuito

per i prodotti in catalogo

assistenza

pre e post vendita